Riddare

  • flag Frost
  • person PC
  • Marco
Public Background

Ostor Is omaktig,

Erliga veng kylling,

Jordens ploago,

Riddare tillbako.”

Il suo vero nome è Arvid Karlsson. Un tempo studiava in un monastero del Frost, dove divenne un esperto delle antiche leggende di quelle terre. In particolare, era ossessionato dalle storie sul dio del ghiaccio, Is, di cui si convinse di essere l'Araldo (Riddare, in nordico antico) su Chronos. Dopo una fuga dal monastero (un periodo di studio, nella sua concezione), sembrava aver rimesso la testa a posto, ma un giorno il carro su cui viaggiava fu attaccato da una stramba iena draconica che Riddare identificò come l'incarnazione del demonio, o meglio del nefasto dio del fuoco Eld. In realtà, ovviamente, si trattava di Gnash. Arvid, però, non potendo sapere che lo gnoll si era spostato dall'altra parte del globo, quando sentì parlare di Karg Schiacciapalle, leader dell'Orda dei disperati della Piana, lo confuse con il cugino e si mise sulle sue tracce per compiere la sua missione divina, epurando il mondo dalla sua diabolica presenza. Durante il viaggio, grazie ai poteri sviluppati attraverso la comunione con il ghiaccio, lasciò dietro di sè una scia di morte, distruzione e totem di pessimo gusto, attraverso i quali la Regina dei Ghiacci e i suoi consiglieri lo identificarono e lo bersagliarono come nemico pubblico. L'incontro prima con la giovane draghessa d'argento Kyla (una chiara dimostrazione, per Riddare, del supporto del grande Is alla sua causa) e poi con la principessa del Nord Myra ed il capitano Arden, l'ha aiutato a non farsi piovere troppi guai addosso, ma potranno mai questi nuovi amici dare a un matto del genere un'occasione di riscatto?