Bushido

Iacopo updated 6 months ago

IL CODICE DEL BUSHIDO

 

Il Bushido si fonda su sette concetti fondamentali, ai quali il samurai deve scrupolosamente attenersi:

Gi: Onestà e Giustizia

Sii scrupolosamente onesto nei rapporti con gli altri, credi nella giustizia che proviene non dalle altre persone ma da te stesso. Il vero Samurai non ha incertezze sulla questione dell'onestà e della giustizia. Vi è solo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Yu: Eroico Coraggio

Elevati al di sopra delle masse che hanno paura di agire, nascondersi come una tartaruga nel guscio non è vivere. Un Samurai deve possedere un eroico coraggio, ciò è assolutamente rischioso e pericoloso, ciò significa vivere in modo completo, pieno, meraviglioso. L'eroico corag-gio non è cieco ma intelligente e forte.

Jin: Compassione

L'intenso addestramento rende il samurai svelto e forte. È diverso dagli altri, egli acquisisce un potere che deve essere utilizzato per il bene comune. Possiede compassione, coglie ogni opportunità di essere d'aiuto ai propri simili e se l'opportunità non si presenta egli fa di tutto per tro-varne una. La compassione di un samurai va dimostrata soprattutto nei riguardi dei girini e delle rane.

Rei: Gentile Cortesia

I Samurai non hanno motivi per comportarsi in maniera crudele, non hanno bisogno di mostrare la propria forza. Un Samurai è gentile anche con i nemici. Senza tale dimostrazione di rispetto esteriore una rana è poco più di un animale. Il Samurai è rispettato non solo per la sua forza in battaglia ma anche per come interagisce con le altre rane. Il miglior combattimento è quello evitato.

Makoto: Completa Sincerità

Quando un Samurai esprime l'intenzione di compiere un'azione, questa è praticamente già compiuta, nulla gli impedirà di portare a termine l'intenzione espressa. Egli non ha bisogno né di "dare la parola" né di promettere. Parlare e agire sono la medesima cosa.

Meiyo: Onore

Vi è un solo giudice dell'onore del Samurai: lui stesso. Le decisioni che prendi e le azioni che ne conseguono sono un riflesso di ciò che sei in realtà. Non puoi nasconderti da te stesso.

Chugi: Dovere e Lealtà

Per il Samurai compiere un'azione o esprimere qualcosa equivale a di-ventarne proprietario. Egli ne assume la piena responsabilità, anche per ciò che ne consegue. Il Samurai è immensamente leale verso coloro di cui si prende cura. Egli resta fieramente fedele a coloro di cui è responsabile.

Chiarimenti sul codice

Se guardiamo solo alla lettera del codice i Samurai potrebbero sembrarci dei paladini senza macchia e senza paura. Niente di più falso. Queste regole sicuramente venivano rispettate dai Samurai, ma si appli-cano a rane dello stesso ceto sociale o più alto. Un esempio lampante di questo è la prassi del Kirisute Gomen (letteralmente “autorizzazione a tagliare e abbandonare”). Il samurai può passare a fil di spada chiun-que ritenga avergli mancato di rispetto, se di rango inferiore. L’unica remora è il riuscire, in un secondo momento, a dimostrare l‟offesa ricevuta.

Nota bene si è scelto di non mettere un valore numerico per descrivere il proprio onore e la propria fedeltà al codice. Le conseguenze per in-frazioni gravi al codice di condotta o per la perdita del proprio onore sono lasciate al SDR ma devono essere intese come conseguenze a li-vello sociale: venire mal visti dai propri pari, derisi dal popolo e esiliati o ripudiati dal proprio signore

Documentation

Everyone